Image Image Image Image Image Image Image Image Image

chopper

11 Mag

By

Ricetta di primavera Excélsa: PRIMO AL VERDE DI MAGGIO

11 Maggio 2016 | By |

Condividi su Facebook

Una ricetta di primavera dedicata alla verdura. Verde, come il colore della salute e della speranza, come i prodotti che a maggio fioriscono nell’orto e arrivano al mercato. Alimento centrale della dieta mediterranea, di verdura ne dovremmo consumare, insieme alla frutta, ben 5 porzioni al giorno. A maggio è facile trovare ravanelli, spinaci, rucola, finocchi, asparagi e broccoli, da consumare con varie tipologie di cottura e preparazione. I cultori della verdura possono decidere se utilizzare il frullatore a immersione o il classico passaverdura, che garantisce una crema più vellutata e l’assenza di schiuma, ed è dunque da preferire per lo svezzamento dei più piccini. Per tutta la famiglia, invece, ecco una ricetta Excélsa che racchiude i benefici di ben 3 tra legumi e verdure di stagione in un unico piatto: il Primo al Verde di Maggio.

Ecco cosa serve: Pasta ditali rigati 360g; Fave 400g; Piselli 300g; Carciofi 4; Cipolla bianca 1; Olio extravergine d’oliva 50g; Preparazione 20min; Cottura 60min; Porzioni 4. Le tre anime verdi di questo piatto sono le fave, i piselli e i carciofi.

Le prime depurano e rinfrescano grazie alle fibre, con il notevole apporto energetico delle proteine. I piselli aggiungono l’ulteriore forza di ferro, fosforo, potassio, vitamina A e B1. Il carciofo ha invece pochissime calorie e riduce i problemi di diabete, ipertensione e colesterolo: freschezza, energia e salute sono le parole chiave di questa ricetta Excélsa. La preparazione inizia dai carciofi eliminando le foglie esterne, le cime e tagliando spicchi da tenere a mollo in acqua e limone. Poi si sgranano fave e piselli e si affetta la cipolla, la prima a finire in padella seguita da fave, piselli, carciofi, due bicchieri d’acqua e un po’ di sale. Lasciare cuocere per un’oretta a fuoco lento. Prendere due o tre cucchiaiate del tris verde e passarlo nel passaverdura per pochi minuti, in modo da ottenere un corposo pesto che leghi a dovere i sapori. Appena i ditali sono al dente, adagiare nel piatto un letto di pesto, i ditali e il tris verde, spolverando un po’ di parmigiano grattugiato: buono e salutare, il Primo al Verde di Maggio funziona benissimo anche da portata unica.