Image Image Image Image Image Image Image Image Image

BLOG Archivi - Excelsa - l'accento sulla casa

BLOG

04 ago

By

DOLCE un po’ SALATO

agosto 4, 2017 | By |

Condividi su Facebook

È l’Organizzazione Mondiale della Sanità a suggerire una stretta al consumo di zuccheri aggiunti: al di sotto del 10% dell’apporto energetico quotidiano (non più di 50 grammi, pari a circa 12 cucchiaini), se possibile arrivando anche alla metà. “Un consumo esagerato di zuccheri” – ricordano gli esperti dell’Inran – “può portare a un regime dietetico squilibrato o eccessivo sotto il profilo energetico,tale da facilitare l’eventuale comparsa di malattie come obesità, diabete e malattie cardiovascolari. Tanto per fare un esempio, una lattina di aranciata o di cola (da 330 ml) contiene 33-35 grammi di zuccheri, più o meno come 7 zollette di zucchero, 15 caramelle dure o una ventina di biscotti secchi. Ha più o meno le stesse calorie di una merendina alla marmellata da 35 grammi, ma contiene il doppio degli zuccheri”.
Teniamo quindi controllato il consumo dello zucchero e del dolce per preservare la nostra salute!

– Inran: Istituto nazionale di ricerca sugli alimenti e la nutrizione –

21 lug

By

COCKTAIL DIVERTENTI E DALLE PROPRIETÀ BENEFICHE

luglio 21, 2017 | By |

Non c’è niente di più piacevole che invitare gli amici durante le ore fresche della serata e godersi un buon cocktail preparato in casa. Certamente non fa bene alla salute appesantirsi troppo spesso con cocktail alcolici, e per fortuna esistono cocktail analcolici che oltre a rivelarsi un toccasana per la salute, sono anche belli a vedersi, dissetanti da gustare e in grado di divertire e creare il giusto clima vacanziero. Si può ad esempio proporre un Mojito arricchito con alcuni ingredienti tipicamente salutari e rinfrescanti, come i cetrioli e il ribes rosso. Chiamatelo pure Virgin Mojito Splash.

Si prepara con qualche cucchiaino di zucchero di canna, succo di lime, soda, ginger ale, menta, alcune fettine di cetriolo e qualche bacca di ribes rosso. Quest’ultimo ingrediente, ricco di vitamina C e K, è un autentico tuffo nel benessere per la pelle e i capelli. Il ribes rosso contrasta anche i calcoli renali e l’anemia. Il cetriolo e la menta, invece, apportano un importante contributo all’idratazione della pelle e dei tessuti. Producono, inoltre, un effetto disintossicante e depurativo per stomaco e intestino.

Passando alla preparazione del Virgin Mojito Splash, ricordate di solleticare energicamente le foglie di menta per sprigionarne l’aroma nel bicchiere. Versate poi lo zucchero di canna, il succo di lime e la soda, pestando le foglie di menta sul fondo del bicchiere insieme a qualche bacca di ribes. Aggiungete ora la granita di ghiaccio, qualche fetta di cetriolo e completate con il ginger ale. Solitamente il Mojito va servito nel bicchiere rocks, ma questo è un Virgin Mojito Splash e, allora, perché non servirlo nei barattoli Funny Party Excélsa, con i coperchi in metallo decorato e le simpatiche lavagnette su cui incidere i nomi degli invitati?

Nel catalogo Excélsa c’è anche un simpatico dispenser con supporto in metallo e rubinetto per erogare le bevande. Questo vuol dire che potete mettere a centro tavola le forme paciose del dispenser Happy Party Excélsa e un contenuto che arriva a ben quattro litri del vostro Virgin Mojito Splash: allargate tranquillamente gli inviti e informate i vostri amici sulla possibilità di fare il bis del cocktail. E per chi proprio non è abituato a rinunciare al cocktail alcolico, puntate allora sul gin e tonic: i risultati raccolti da uno studio svoltosi in Regno Unito hanno dimostrato che il gin tonic riesce a diminuire gli effetti di allergie, asma bronchiali e febbre da fieno, per il basso contenuto di istamine nel gin. Ciò avviene solo col gin tonic però: altri alcolici hanno processi di distillazione completamente diversi.

03 lug

By

UN AIUTO PER LA MEMORIA

luglio 3, 2017 | By |

Condividi su Facebook

Questo mese focalizziamo l’attenzione sulla nostra memoria, importantissima alleata di tutti i giorni, che va allenata e potenziata sempre! C’è chi preferisce affidarsi a cibi contenenti zinco, vitamina A, E e C, Omega 3 e 6, acidi grassi e diverse altre sostanze che favoriscono la memoria, chi invece sceglie di allenarla con sudoku o enigmistica, ed altri ancora con la vita sociale che permetterebbe anche alla memoria di adattarsi più facilmente a nuove soluzioni e situazioni. Un recente studio però, ipotizza risultati mnemonici migliori con un po’ di sano sport, praticato nel momento e modalità giusti. Dell’esercizio fisico 4 ore dopo lo studio sarebbe proprio quello che ci vuole per potenziare la memoria, soprattutto a lungo termine. Meglio poi se lo sport è di tipo aerobico come corsa, nuoto, calcio ciclismo o tennis, e mediamente intenso!
Studio condotto dalla Radbound University Medical Center di Nijmegen nei Paesi Bassi, pubblicato su Current Biology.