Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Natale Archivi - Excelsa - l'accento sulla casa

22 Dec

By

Mini Babbi Natale

dicembre 22, 2017 | By |

Condividi su Facebook

Il Natale è alle porte ed è un momento magico da trascorrere con i propri amici e cari.
In particolare i bambini adorano questo periodo dell’anno quindi perché non coinvolgerli nella preparazione di una ricetta facile e divertente?
Ad esempio, questi gustosi mini Babbi Natale possono essere un’alternativa ai classici dolci natalizi, sono semplici da realizzare e di grande impatto anche per quelli più restii alle calorie in eccesso.

Per preparare i mini Babbi Natale occorrono:

50 gr di cioccolato fondente
60gr di burro
90 gr di zucchero semolato
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
1 uovo fresco
40 gr di farina
2 cucchiai di cacao in polvere
8 fragole
1 decilitro di panna fresca
20 gr di zucchero a velo
sale q.b.

Portare il burro a temperatura ambiente. Nel frattempo tritare il cioccolato, scioglierlo a bagnomaria e farlo raffreddare. Lavorare il burro ammorbidito con un cucchiaio di legno fino a renderlo soffice. Aggiungere lo zucchero semolato e la vaniglia. Unire l'uovo sbattuto al composto. Setacciare la farina, aggiungere il cacao amaro e 1 pizzico di sale e incorporali insieme al cioccolato fuso.
Amalgamare bene il composto. Versarlo nello stampo da plumcake Sweet Baking di Excelsa, dopo averlo foderato di carta da forno. Livellare con la spatola in silicone Sweet Shares di Excelsa. Infornare a 180° per 30-35 minuti.
Lavare e asciugare le fragole avendo cura di eliminare i piccioli. A parte, montare la panna fino a renderla soda ed aggiungervi lo zucchero a velo.
A cottura ultimata, sformare il dolce e ricavare 8 tortini con uno stampino quadrato o rotondo se si preferisce.
Guarnire la superficie di ogni dolcetto con un ciuffo di panna, utilizzando la sac à poche Sweet Cake di Excelsa. Posizionare sopra il tortino le fragole e decorare la punta di ognuna con un altro piccolo ciuffetto di panna. Conservare in frigorifero i mini Babbi Natale fino al momento di servirli.
Ecco dunque un’idea originale per addolcire il vostro Natale, da gustare insieme a tutta la famiglia.
Buone Feste da Excelsa!

19 Dec

By

A NATALE UN ANTIPASTO DA RE

dicembre 19, 2016 | By |

Condividi su Facebook

L’antipasto che Excélsa ha deciso di consigliarvi a Natale è un piatto d’alta quota fieramente antidietetico, adatto a un giorno in cui bisogna dimenticarsi della bilancia. Ha una storia avvolta da cenni e indiscrezioni non sempre confermate, tanto che la ricetta originale è contesa almeno da tre nazioni. Si tratta della fonduta alla Valdostana, piatto unico da rifugio alpino che in un lauto pranzo di Natale saprà ricoprire il ruolo di ‘re degli antipasti’, magari abbinandolo a verdure grigliate anziché ai più tradizionali crostoni e tranci di polenta.

Re degli antipasti è un soprannome azzeccato per la fonduta alla Valdostana, dato che la classica ricetta venne appuntata persino nel Trattato di cucina di Vialardi, cuoco di fiducia dei re Carlo Alberto e Vittorio Emanuele II. Svizzeri e francesi rivendicano particolari segreti e varianti per quanto riguarda la ricetta, così come per i vini da abbinarvi. Noi preferiamo ripartire dalla ricetta 100% Made in Italy che vede come ingrediente principale la fontina d.o.p. della Valle d’Aosta.

La lista degli ingredienti che segue è per quattro persone, starà a voi moltiplicare le dosi per il numero degli invitati al pranzo di Natale. Excélsa non teme certo la convivialità degli ospiti, vantando una gamma di Servizi per Fonduta molto ricca e varia. Si parte da Chalet, servizio fonduta da 11 pezzi, per passare ai 22 pezzi di Convivo, disponibile anche nella versione maxi da ben 28 pezzi. Ogni invitato, insomma, a Natale avrà di che leccarsi i baffi con il vostro antipasto da re. Gli ingredienti necessari sono: 400g di fontina valdostana; 250g di latte intero; 4 tuorli d’uovo; 30g di burro; pepe bianco q.b.

La fontina va tagliata a fettine sottili e immersa in una pentola con il latte per almeno due ore, dopodiché si può passare al fuoco basso aggiungendo il burro e mescolando fino a quando il formaggio non si è fuso completamente. Aggiungere dunque i tuorli d’uovo e continuare a mescolare a fuoco lento per un’altra mezz’ora, avendo cura di evitare grumi e filamenti del formaggio non desiderati. A questo punto il Servizio Fonduta Excélsa è pronto a ricevere e mantenere in caldo il vostro antipasto, che viaggiando sulle 400 Kcal per 100 grammi di prodotto, apre a spron battuto il pranzo di Natale caratterizzandolo fin da subito come una conviviale adunanza intorno al calore, il colore e il buongusto serviti a tavola.

12 Dec

By

TÈ ALL’INGLESE, CREATIVITÀ ALL’ITALIANA

dicembre 12, 2016 | By |

Condividi su Facebook

In Inghilterra il tè è una vera e propria istituzione rafforzatasi a partire dal XIX secolo, quando la Duchessa Anna di Bedford volle introdurre un ulteriore pasto e momento di compagnia durante la giornata. Nacque così l’afternoon tea, un tè pomeridiano accompagnato da dolcetti o da cibi salati e naturalmente da tanta conversazione. Inizialmente il tè all’inglese veniva preparato prevalentemente con le foglie, mentre le bustine erano considerate di scarsa qualità, un aspetto che oggi tende a sfumare.

Gli inglesi tengono molto a questo rito delle 5 p.m., tanto che esistono perfino tea room dove incontrarsi in abiti eleganti e godersi un servizio impeccabile tra ambienti silenziosi e arredi accoglienti. Altra tendenza affermatasi nel Regno Unito è quella di distinguere tra tè del mattino, tè pomeridiano e high tea. Così il tè del mattino è servito prevalentemente con dolcetti, quello del pomeriggio con dolce o anche salato, mentre l’high tea è una vera e propria cena, un’abitudine proveniente dai lavoratori che rientrando alla sera, rinforzavano la bevanda con carni e formaggi.

Altro vezzo degli inglesi, maggiori consumatori di tè al mondo con 48 miliardi di tazze bevute ogni anno, è quello di macchiare il tè con il latte, abitudine nata in epoca vittoriana: per stemperare la bevanda bollente che rischiava di rovinare le preziose porcellane dei servizi da tè, un tocco di latte era quel che ci voleva. Il tè al limone è invece di origine russa, un’usanza meno elegante e più pratica rispetto a quella del latte: le foglie di tè arrivavano dall’India dopo lunghissimi viaggi, e l’aroma non più salubre del tè doveva essere mitigato da qualche goccia di limone.

E l’Italia che apporto può dare al rito del tè? Sicuramente un po’ di creatività ed estro nel servirlo, soprattutto adesso che si avvicina il Natale. Prendete ad esempio le Tazze Jumbo e Mug della linea Nordic Christmas Excélsa, che con colori caldi dipinti a mano e forme ricercate pur nella praticità, sembrano coniugare perfettamente la tradizionale eleganza dell’afternoon tea alla pragmatica origine del tè bevuto in Russia. Questo periodo dell’anno, dai negozi agli arredi urbani, è anche un promettente baluginare di luci festose e ammiccanti, ma per l’ora del tè nel vostro rifugio domestico meglio scegliere gli accoglienti riverberi delle Metal e Ceramic Lantern Excelsa, disponibili a forma di casetta, cilindro e lucerna.

Dalla linea Dolce&Forno potete prendere gli stampi per ottenere biscotti a forma di albero di Natale, stelle cadenti e pupazzi di neve, e poi ci sono gli originali accessori della linea Tea Time Excélsa: tagliabiscotti a forma di teiere, infusori a forma di orsetti, conserva limoni che somigliano essi stessi ad agrumi: piccoli tocchi di stile Made in Italy che rendono informale l’ora del tè proponendo idee, colore e perché no… tanta allegria. Si tratterà pure di dettagli, che però impreziosiscono l’ora del tè con un po’ di letizia, introducendo quella raffinatezza italiana che piace tanto anche a Londra.