Image Image Image Image Image Image Image Image Image

funghi

14 Lug

By

CHEF RUBIO: QUATTRO RICETTE IN LIS CHE SI FARANNO ‘SENTIRE’

14 Luglio 2016 | By |

Condividi su Facebook

Prima di volare a Casa Italia per raggiungere gli atleti italiani alle Paralimpiadi 2016 di Rio De Janeiro che si terranno a settembre, Chef Rubio ha appena concluso con successo una lodevole iniziativa realizzata in collaborazione con l’Istituto Statale Sordi di Roma (ISSR), in mediapartnership con Repubblica.it: quattro nuove video ricette per la web serie in Lingua Italiana dei Segni (LIS). Con la consueta simpatia che anima il programma Unti e Bisunti, Chef Rubio rimette sotto ai riflettori la campagna del 2006 per il riconoscimento della LIS come lingua ufficiale, come previsto dalla convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità.

“Tutti ci nutriamo degli stessi piaceri, a tavola come nella vita”, afferma Rubio: Excélsa non può che sostenere pienamente un’iniziativa come questa, che rilancia il piacere della convivialità a tavola. Colorati e funzionali ‘strumenti del mestiere’ Excélsa aiutano Rubio nella preparazione delle innovative video ricette spiegate con l’assistenza della LIS Coach Deborah Donadio: i Bucatini all’Amatriciana, le Lasagne al Pesto, le Mezzemaniche alla Carbonara e il Risotto ai Funghi.

Da sempre in viaggio alla scoperta di nuovi sapori e attento ai valori dei territori e dei suoi abitanti, Chef Rubio afferma ancora una volta, attraverso la nuova WebSerie LIS, che la buona cucina fatta di convivialità, benessere, nutrimento e integrazione culturale è il tramite che congiunge il punto di partenza e il punto di arrivo di ogni sua ricerca: le persone. Non a caso l’hashtag prescelto è #ItaliaLoveLis. In questi preziosi video tutorial in LIS, Rubio risulta più che mai se stesso, scherzando sugli errori di esecuzione più comuni, ricordando l’origine delle ricette e dispensando consigli sullo spreco di cibo: un approccio ironico e appassionato che avvicina in modo intelligente la cosiddetta ‘Cultura Udente’ – troppe volte concentrata nel pregiudiziale intento di curare anziché nell’accettare – ai non udenti, e viceversa.